Scuola Trasparente, II edizione. FINAS presenta il manuale alla Camera

Si è tenuta martedì 12 marzo alla Camera dei Deputati, dalle 10.30 alle 13, la presentazione della seconda edizione del manuale “Scuola Trasparente”, compendio informativo dell’omonima campagna sociale promossa dall’associazione culturale Future Is Now con il sostegno del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Hanno partecipano alla tavola rotonda la Dottoressa Sabrina Calvosa per la Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione; il Procuratore Davide Iori, l’Onorevole Sante Perticaro, l’ideatore della campagna Scuola Trasparente Filippo Pompei e gli avvocati Giuliano De Luca, Nicola Di Ninno, Giancarlo Marrucci e Massimo Rosica.

L’evento ha avuto luogo nel calendario di iniziative organizzate per la Settimana dell’Amministrazione Aperta #SAA2019, dall’11 al 17 Marzo 2019. Giunta quest’anno alla terza edizione, la SAA è stata coordinata dal Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri per diffondere la cultura della legalità, della trasparenza e dell’accountability sia nelle amministrazioni pubbliche che nella società civile attraverso seminari, dibattiti, incontri tra cittadini e rappresentanti delle istituzioni. Una cornice privilegiata per la campagna Scuola Trasparente, finalista al Premio OpenGov Champion 2018, già promossa nel piano nazionale Open Government 2019-2021 e nata per divulgare nelle scuole italiane il principio della trasparenza nella pubblica amministrazione, che, come stabilito dal decreto legislativo 33/2013 e ribadito dall’Autorità Nazionale Anticorruzione con la delibera del 28 dicembre 2016, costituisce un obbligo anche per gli istituti scolastici.

Con una veste grafica rinnovata, un lessico facilmente fruibile e contenuti aggiornati, il manuale “Scuola Trasparente” vuole essere un vademecum rivolto a studenti, insegnanti e genitori, ma più in generale a qualsiasi cittadino che voglia conoscere gli strumenti del proprio diritto di accesso all’informazione relativa alla pubblica amministrazione, dalla consultazione degli Open Data alle impugnazioni normative a cui ricorrere gratuitamente in caso di omissione o rifiuto di atti d’ufficio. Strumenti messi al servizio di un’idea di scuola che – come emerge anche dalle proposte legislative avanzate, di recente, dal governo per riportare l’insegnamento dell’educazione civica al centro dell’offerta formativa degli istituti di ogni ordine e grado – sia non solo il luogo preposto all’apprendimento di nozioni specifiche e settoriali, ma anche e soprattutto il centro propulsore di una società più equa, inclusiva, trasparente e meritocratica. Una scuola progettata come palestra di cittadinanza attiva, come cantiere di giustizia e come fortezza del bene comune per le future generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *